• home-01
  • home-02
  • home-03
  • home-04
  • Saloni Columbus Site

    Vasta gamma di imbarcazioni nuove e usate
  • Beneteau "La Barca"

    Beneteau sicurezza e comfort in navigazione
  • Saloni Beneteau

    Vivi lo spettacolo del mare
  • Columbus Beneteau

    Assieme per offrirti momenti unici

Barca da diporto: cosa significa?

Il . Inserito in Saloni Columbus News

Chi si affaccia per la prima volta nel mondo della nautica può trovare confusionaria la lunga lista di appellativi con cui è possibile chiamare una barca.

Soffermarsi sulla differenza tra barca a vela e barca a motore è infatti riduttivo, poiché la struttura e la tipologia di ogni barca ha una funzionalità e delle caratteristiche specifiche che la rendono più o meno adatta a certi usi.

In generale, però, la dicitura che più spesso si riscontra nei contratti di vendita, nelle descrizioni delle barche e sui regolamenti navali è imbarcazione da diporto, una locuzione che raccoglie in sé la maggior parte delle barche presenti in ogni molo.

Cosa significa, per l'esattezza, imbarcazione da diporto? Quali tipi di barche da diporto esistono e come sono diversificate secondo la legge?

Passiamo in rassegna tutti i principali tipi di barca esistenti, per una scelta mirata e consapevole all'acquisto della tua prossima barca.

Barche da diporto: una classificazione

Partiamo dalla definizione più generica: una barca da diporto, o imbarcazione da diporto, è una barca utilizzata solo a fini ricreativi o sportivi. Include quindi le barche private e le barche per regate; non include le barche per uso commerciale, come le barche charter, per noleggio giornaliero o di lunga durata

All'interno di questa macro categoria troviamo un'ulteriore divisione, a seconda della lunghezza dello scafo:

  • barca da diporto natante (o barca natante): entro i 10 metri;
  • imbarcazione da diporto: compresa tra i 10 e i 24 metri;
  • nave da diporto: dimensione maggiore ai 24 metri di lunghezza.

Tale lunghezza è misurata secondo gli standard regolarizzati dalla norma UNI EN ISO 8666 e indicata su alcuni documenti della barca, tra cui la marcatura CE, la dichiarazione di conformità e i manuali del proprietario.

La marcatura CE, in particolare, identifica quattro standard di barca, classificati in base alla Categoria di Progettazione che indica sia i requisiti di sicurezza, sia le condizioni meteo-marine per cui la barca è stata progettata.

Categoria Forza del vento Altezza onde
A superiore a 8 (scala Beaufort) superiori a 4 metri
B max 8 (scala Beaufort)

max 4 metri

C max 6 (scala Beaufort) max 2 metri
D max 4 (scala Beaufort) max 0,3 metri

Ogni tipologia di barca deve avere in dotazione una serie di documenti differenti a seconda della classificazione.

Natanti da diporto

I natanti da diporto non sono soggetti all'obbligo di iscrizione nei registri, né è necessario possedere la licenza di navigazione o il certificato di sicurezza. Gli unici documenti da tenere sempre a bordo sono qui il certificato marcatura CE, la dichiarazione di conformità e il manuale del proprietario.

Imbarcazioni da diporto

Le imbarcazioni da diporto, con lunghezza compresa tra 10,01 e 24 metri, sono invece soggette a:

  • obbligo di iscrizione alla Capitaneria di Porto;
  • possesso della licenza di navigazione;
  • possesso del certificato di sicurezza.

Le barche da diporto devono sempre esporre la bandiera nazionale e sono contraddistinte dalla sigla di individuazione.

Per le barche da diporto fino ai 24 metri esistono limiti di navigazione, suddivisi a seconda della categoria.

Imbarcazioni Limiti
Imbarcazioni non marcate CE 6 miglia o senza limite*
unità con marchio CE cat. A senza alcun limite
unità con marchio CE cat. B forza del vento fino a 8 Beaufort e altezza significativa onde fino a 4 metri
unità con marchio CE cat. C forza del vento fino a 6 Beaufort e altezza significativa onde fino a 2 metri
unità con marchio CE cat. D forza del vento fino a 4 Beaufort e altezza significativa onde fino a 0.3 metri

Navi da diporto

Le navi da diporto, con lunghezza superiore ai 24 metri, sono soggetti a:

  • obbligo di iscrizione alla Capitaneria di Porto;
  • licenza di navigazione;
  • certificato di sicurezza per navigare.

Per l'iscrizione ai registri delle Navi da Diporto, il proprietario deve presentare a sua volta l'estratto del Registro delle Navi in Costruzione e il certificato di stazza.

L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Leggi la policy su Cookies